Condividi questo post!

Google1

Prestiti ricaricabili: definizione e come funzionano

Cosa sono i prestiti ricaricabili? Sono dei prodotti di credito che permettono al cliente di avere a disposizione nel giro di breve tempo della liquidità di importo ridotto, tale importo è utilizzabile secondo le esigenze del cliente senza dover dare nessun giustificativo di spesa.

Qual è la caratteristica peculiare del prestito ricaricabile?

L’importo richiesto viene accreditato nel conto corrente del cliente, che può quindi disporre della liquidità, durante l’utilizzo in tutto o in parte del finanziamento, esso verrà restituito in piccole rate a cadenza mensile che andranno a rigenerare l’importo erogato in precedenza, con la possibilità di effettuare nuovi acquisti; il prestito si configura quindi come un acquisto rateale, con un sistema molto simile a quello della carta di credito revolving,  privo tuttavia dei costi e delle quote associative connesse.

Normalmente il contratto prevede rate minime mensili che si avvicinano a circa 35 euro al mese, se il cliente è puntuale nei pagamenti minimi delle rate, il prestito resta attivo a tempo indeterminato; pagando un importo di rata superiore si andrà a ricreare la linea di credito iniziale.

In sintesi le caratteristiche dei prestiti ricaricabili sono:

  • Importi limitati a circa 5.000 euro.
  • Tempi di erogazione nell’ordine di pochi giorni, anche al massimo di 48 ore, rientra quindi nella categoria dei prestiti veloci.
  • L’erogazione avviene direttamente nel conto corrente del cliente.
  • Il tasso di interesse è fisso con rimborso mensile.
  • Non ci sono spese di istruttoria o di gestione della pratica.
  • L’ammontare degli interessi vengono calcolati esclusivamente sul credito realmente utilizzato.

Leggete sempre i fogli informativi proposti e le condizioni contrattuali applicate dall’ente erogante.

GD Star Rating
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *